Il blog di Marco Ghirardelli

Scrittore, illustratore, cantautore
Cerca nel Blog
Poesie e racconti
Pubblicato da Ghiradelli Marco in Poesie e racconti • 26/09/2011 01:17:12


FIABA ROMANTICA

Una storia senza tempo, per ora qui soltanto imbastita, ma destinata a diventare un internazionale Best-seller appena, ne sarà scritto il libro. Storia scritta di fretta...ma è questo a volte il bello...L’immediatezza.

Due innamorati, Mirko e Marina, obbligati a non frequentarsi, decidono di sperimentare ogni diverso tipo di modo per potersi almeno scrivere, ancora così congiungendo le loro menti e i loro cuori, a dispetto delle imposizioni paterne, che li vorrebbero legati in promessa di matrimonio con altri.
Ognuno è già stato come...prenotatopromesso dalle rispettive famiglie, certo ingiustamente, diremmo noi, considerate le pulsioni che reciprocamente loro appartenevano. Ma in quel tempo, quella era la regola. Era il patriarca a decidere.
Si accorderanno ed impegneranno invece, contravvenendo ai diktat familiari, ad affidare le loro sorti al fato, in un patto preciso col Destino; che subito li avrebbe per questo sciolti dalla promessa di matrimonio, con il preciso accordo che ognuno si sarebbe dovuto allontanare dall’altro, approdando in isole lontane, separate da cento e cento miglia di mare.
E si sarebbero potuti alla fine ricongiungere solo quando un loro misterioso messaggio incantato, non meglio precisato, fosse giunto a destinazione, attraverso quelle miglia e miglia di acque profonde.

Mirko e Marina decideranno tuttavia di non arrendersi, anche ove il proseguo della loro storia avesse dovuto rivelarsi difficile. La speranza non sarebbe mai dovuta venire meno, anche ad onta di un destino impietoso, che troppo li avesse voluti far attendere...
Non sapevano intanto come avrebbe dovuto essere questo misterioso messaggio... Ma, ad insaputa di lei, Mirko, impaziente, per aumentare di molto le proprie possibilità di far arrivare al più presto alla ragazza il suo messaggio incantato, concorderà segretamente invece con il Destino, che presto gli faccia intuire quale sia il giusto modo di spedire il messaggio, se non dovessero avere successo le prove che farà. Non appena conclusa la sua ricerca a riguardo, il Fato lo accontenterà: stabilendo però che, ove Mirko dovesse avvicinarsi fisicamente troppo alla sua cara Marina, prima dell’apertura del messaggio, la penalità sarà quella di... ritrovarsi a un tratto più vecchio, rispetto a lei, di quarant’anni.
Venticinque anni quindi lui, venticinque lei, inizieranno così questa sorta di tentativo di comunicazione a distanza, resistendo al desiderio che li animerebbe in un contatto più ravvicinato, certo inficiando però così la possibilità offerta dal Destino.
Avevano, sino a quel momento, sperimentato un nutrito scambio di messaggi; all’inizio con il tam tam, poi con i segnali di fumo indiani. Poi, ancora, con percussioni su vuoti tronchi della foresta, come usato nell’Africa nera, e persino con le missive recate da messaggeri appiedati; e con la prima parvenza di posta, a cavallo dei famosi pony - express, che letteralmente volavano sulla prateria...Ma l’incanto di quel tipo di messaggi non era sufficiente, o non era del tipo giusto, come studiato invece ad arte dal destino...
Ma, sapevano loro, di dover tuttavia anche farsi pervenire la testimonianza di questo grande amore, perchè non si stemperasse; perciò sempre, ogni giorno mentalmente, con ogni reciproco, delicato segreto pensiero.

Il sistema migliore studiato dal Destino, Mirko verrà così a sapere al termine della sua infruttuosa ricerca, sarà quello di affidare ad una bottiglia sigillata un lungo messaggio...abbandonandola tra quei flutti e quei marosi; alle correnti che bagnavano le loro terre.
La prima bottiglia inviata, tappata con la cera, conterrà così,la più lunga e appassionata lettera d’amore, che mai lui abbia saputo scrivere nella sua vita: la affiderà alle onde, nel tentativo di farla presto giungere fin sulla riva, sulla spiaggia dell’isola di Marina...
Il Destino aveva ideato questo sistema, conoscendo il carattere romantico della sua innamorata. Ma la crudele realtà che invece coinvolgerà i due innamorati, farà si che,sempre per infausta sorte, lei resterà sulla propria isola guardando a lungo il mare, senza poter mai veder affiorare, tra le onde, l’attesa testimonianza che Mirko le ha promesso.
Ma anche senza che, per il sortilegio sempre ideato dal Fato, il trascorrere del tempo passi mai, sul suo viso e nel suo cuore; quanto la sua speranza. Marina resterà così, fisicamente immutata e bellissima sempre. E conservando ancora appieno tutti quei suoi meravigliosi, freschi vent’anni.
Mentre la sorte, ha studiato per Mirko, ben altro. Anche su di lui, magicamente, gli anni non trascorreranno, per quanto inesorabili e come senza fine; quindi dieci, venti trenta, e ancora molti più; mentre la piccola bottiglia, trascinata dalle onde, non saprà trovare la strada per giungere in quell’ isola tanto lontana; dove lui pensava, avendone studiato le correnti, che sarebbe arrivata...

Sarà così un giorno, che Mirko deciderà di infrangere il patto, tanta è la sofferenza nel non poter ancora rivedere la propria innamorata. E si troverà ad intraprendere il viaggio proibito, arrivando alla piccola isola, subito ritrovando lei sulla spiaggia.
Resterà estasiato, nel vederla tanto bella ancora, come l’ultimo giorno da che si erano separati.
Mentre però Marina sta per finalmente per stringere ora tra le mani quella sua bottiglia, che il mare, spinto dal destino, le ha portato in quel preciso istante, egli si accorgerà di come la ragazza non abbia invece potuto riconoscerlo...
Infatti Mirko si rende conto solo ora di avere i capelli grigi, e il volto coperto di rughe, segno ormai della sua diversa, nuova età; punizione per non avere saputo attendere ancora qualche istante, tanto rapito dalla sua bellezza.
E’ qui che avviene quello che nemmeno il Destino mai avrebbe potuto credere... Appena udita quella voce, ecco che invece all’improvviso Marina lo riconoscerà, dopo aver sentito pronunciare le sue prime parole tenere e frementi.
Cedendo così ad un irresistibile impulso, la ragazza vorrà subito aprire quella bottiglia. E nel leggere ognuna delle frasi scritte dall’innamorato tanto e tanto tempo prima... ecco che con impeto e trasporto lo abbraccerà, avendolo davvero, e subito, tutto ritrovato, nel profondo sentimento che ancora lo anima, e senza più poter nemmeno vedere nessuna delle sue profonde rughe; ma soltanto avvertendolo in tutta la forza e limpidezza del suo animo e nella bellezza di quell’intenso sentimento, testimonianza nel grande amore che è sempre rimasto vivo in loro.
E, anche nella diversa età che loro atterrà da quel momento, si ameranno , ineluttabilmente, ognuno immensamente ricambiato dall’altro, così, teneramente, e per sempre.

Siete tutti invitati a inviare le vostre opinioni ed i vostri suggerimenti.