Marco Ghirardelli


Vai ai contenuti

Pag. 1

Racconto e poesia

L’IDEA DEL ROMANZO E’ durante la visita al Museo Della Basilica di Gandino, davanti ai ritratti di famiglia conservati nel cosiddetto Tesoro, che avviene l’incontro tra Marco Ghirardelli ed il rettore del Museo, Dott. Silvio Tomasini. Questi, dopo aver compresa la passione con la quale Marco ha raccolto nel corso degli anni scritti, documenti, riproduzioni di dipinti e foto di famiglia, gli suggerirà di scriverne un libro.

L’idea non dispiace a Marco, che scrive già così un primo volume: un vivacissimo romanzo storico sui conti Martinengo Colleoni di Cavernago e di Brescia; primo libro della prevista trilogia. Il romanzo narra delle avventure di una antenata di Marco Ghirardelli, Camilla Cecilia Riccardi, nipote dei conti Provaglio e figlia dell’ultima discendente del Colleoni, per via femminile, Elena Martinengo Colleoni, e del nobiluomo Bortolo Riccardi, da Nembro (BG). Come tratterà del rapporto amoroso tra la zia della ragazza, Marzia Martinengo, e il poeta Ugo Foscolo. E, ancora, il romanzo approfondirà le interessanti vicende del conte Venceslao Martinengo Colleoni, da Cavernago. E parlerà di molto, molto altro ancora...


LE PRESENTAZIONI Anche le presentazioni in pubblico sono coronate da vivo apprezzamento. Forse per il modo inconsueto di illustrare i temi del libro, con il sottofondo di delicate musiche medievali che accompagnano la voce del narratore, Prof. Gianni Bergamaschi.
Ma anche per merito della scelta di una semplicissima, ma efficace scenografia e di filmati a tema, realizzati dallo Studio Borman di Castrezzato. Ogni evento riscuote successo. Il libro di Marco Ghirardelli risulta denso di episodi coinvolgenti, che si snodano nell’intreccio di un raffinato thriller che costituisce la prima parte del romanzo, da leggersi tutto in un fiato.Due libri in uno, si potrebbe dire.
La seconda parte del romanzo avvicina invece al lettore l’uomo Colleoni, in una serie di intimistiche e appassionanti considerazioni e visioni a riguardo del mondo medievale e di ogni accadimento; che scopriremo essere sempre eternamente le stesse in molte tematiche, oggi quanto allora...Ma nelle quali considerazioni la maturità e saggezza dell’uomo, nell’ultima stagione della sua esistenza, risulteranno vincenti sul conto che la vita gli presenterà.



Torna ai contenuti | Torna al menu