Marco Ghirardelli


Vai ai contenuti

Pag. 9

La musica

IL RITORNO DEI FORREST A trent’anni dagli ultimi concerti con gli amici Forrest, ecco nuovamente il desiderio di organizzare il tanto atteso ritorno della formazione con il repertorio degli Shadows. La band si riunisce per un’ultima serie di spettacoli con Fabio, Renato, Marco, con il figlio Alan Ghirardelli alla batteria.
E’ il piacere di abbandonarsi alle antiche suggestioni, che anima nuovamente il gruppo, e suona gratuitamente, per beneficienza.. E mai emozione sarà più grande, quando calcheranno di nuovo le scene, ancora applauditi dai fans di tanti anni prima!
Il gruppo scoprirà intatta la propria
verve, quanto la propria ritrovata capacità, nel ricavare dai propri strumenti quel sound che li aveva resi tanto speciali per il pubblico. L’ultima loro esibizione avverrà all’Arena di Milano, e sul lago d’Iseo, a Marone. Dopodiché, sopita ogni velleità, al gruppo rimarrà il piacere di essersi ancora divertiti insieme, realizzando un CD, rinnovata testimonianza del loro immutato talento.

AUGUSTO ENRIQUEZ, CUBA Poco dopo, su di un volo Lauda Air per Cuba, in viaggio per lavoro, Marco conoscerà il celebre Augusto Enriquez , cantante pupillo di Fidél., che lo inviterà all’Avana. In quel periodo, nelle case attigue al suo appartamento, furoreggeranno a pieno volume, ad ogni ora del giorno, i pezzi del CD di Marco e i Forrest, incessantemente. E, invitato ad una serata presso un caratteristico locale nei pressi del Museo nacional de Bella Artes dell’Avana, l’orchestra suonerà per lui, a sorpresa, “Dove la notte è più blu”e “Fragola”. E canterà con loro molti pezzi in lingua spagnola, da Guantanamera a Tres Palabras e Amor. Un ricordo piacevole ed indimenticabile.
All’appassionato di musica Umberto Donina, per conto della rivista “WOW”, Marco ha rilasciato qualche anno fa una lunga intervista sui suoi trascorsi con i Forrest e sulle proprie personali esperienze musicali. Lo stesso Donina, pubblicherà anche, nel 2006, “Il ritorno di un sogno”, una ben documentata “Storia dei complessi musicali bresciani”, Starrylink editrice, Brescia. Imperdibile guida per gli appassionati del beat di casa nostra, colma di immagini e di spunti inediti, di prima mano.



Torna ai contenuti | Torna al menu